13 novembre 2008

Altro che HOPE

Poster su Obama. Immagini ripresa da qui
L’elezione di Obama presidente è stata accolta da tutto il mondo con entusiasmo e speranza. Tanta, tanta speranza, anche da parte di chi, come me, non ha mai amato l’America e capito niente di politica.
Una notizia riportata dalla CNN, tuttavia, mi allarma (cliccate qui).
Le vendite delle armi da fuoco negli Stati Uniti, infatti, sono incrementate del 200% o addirittura 300% negli ultimi 15 giorni, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
C’è un collegamento tra l’elezione di Obama e l’aumento della vendite delle armi?
Secondo me si. Gran parte del mondo è abituata alla paura. Si sente insicura. Ha bisogno di sicurezza e non di speranza. Preferirebbe avere un revolver piuttosto che una promessa.
Lo vediamo in Italia dove ci sentiamo sicuri solo con l’esercito davanti alle discariche o a sorvegliare paesi. Lo noto in Ungheria dove, nonostante il bassissimo tasso di delinquenza, tutte le abitazioni sono dotate di vere e proprie barricate. Lo hanno notato da tempo gli Americani che per abitudine dormono con un arma da fuoco sotto il cuscino.
Il mondo vive con la paura ed è tormentato da un senso di insicurezza pressante. E’ questa la realtà.
Obama ha portato speranze. Speranze per gli Americani e, in un certo senso, per tutto il mondo. Purtroppo le stesse speranze hanno alimentato le paure. La gente ha paura di cambiare. Corre al riparo. Acquista le armi. Domani, chissà, le cose potrebbero cambiare. Una legge potrebbe impedire l’acquisto indiscriminato di armi. Meglio mettersi al sicuro oggi.
Sono preoccupato. Obama, o meglio quella immagine idilliaca che ci siamo creati, si scontrerà con la gente prima di tutto. Si scontrerà con gli Americani e poi con tutto il mondo. Si scontrerà con milioni di persone che hanno voglia di sperare solamente davanti alla televisione. Si scontrerà con milioni di persone disposte a declassare le speranze in sogni. Milioni di persone pronte a chiudere i sogni in un cassetto. Insieme ad un revolver, per essere al sicuro.

23 commenti:

jolly ha detto...

anch'io ho giá dormito con la pistola sotto il cuscino :) (ma non é che tranquillizzi piú di tanto)

tubulidae ha detto...

Io invece dormo con due cuscini. Dovrei comprae due pistole?

Anonimo ha detto...

beh come ben sai la lobby delle armi in america é molto forte, pero lo scenario che prospetti te , a mio avviso non é completo, perche la malattia in tal caso é la lobby delle armi la cura si chiama obama , ne ha fatto una campagna elettorale su questo.
devi ben capire che alcune situazioni sono manovrate ad arte in questo caso, anche quando era stato eletto clinton la fortissima lobby delle army ha manipolato lo scenario mondiale spingendo a piu non posso per contrastare la politica del presidente, sai bene che l'america piu che per proggetti avvolte va avanti per sondaggi e quindi come al solito queste canaglie cercano di creare scompiglio e spero proprio che Obama non si lasci intimidire anzi che picchi forte nei dentini come farei io in questo caso, ecco i suoi primi nemici non hanno tardato a manifestarsi, il fatto é che se si mette contro questi temo che ci sara un nuovo kennedy

Anonimo ha detto...

l'anonimo so io naturalemente..giovanni

Miguel Ángel ha detto...

Hello! I'm collecting flags. Visits my blogs please. THANK YOU

tubulidae ha detto...

Eh caro mio. Speriamo bene. Il problema delle armi é delicato negli Stati Uniti e Obama, come dici anche te, non lo ha considerato primario. Speriamo bene. Naturalmente oggi in America ci sono problemi ancor piú seri. A me personalmente spaventa lo stato di preoccupazione in cui vive la gente nel mondo. E' questo il punto.

Anonimo ha detto...

questo é un discorso molto ampio, generalizzare come sai non produce delle analisi molto attendibili perche le situazioni sono motlo diverse, l'unica radice comune che hanno queste situazione é che manca il controllo dello stato, e in altre parti del mondo il controllo dello stato non é proprio come lo consideriamo noi.
Per entrare nello specifico la preoccupazione americana é legata a doppio filo a quella della lobby che preme con i suoi potenti mezzi, la preoccupazione italiana é ben diversa, da noi c'é uno stato di diritto, "troppo" oserei dire, perche questo permette a molti di farla franca e per questo il senso dello stato é andato via via scemando e non ci dobbiamo stupire se poi per risolvere situazioni come quella di pianura debba intervenire l'esercito, l'errore é a monte, in questo caso non si parla di interessi di lobby, ma di mancato controllo dello stato perche ci sono delle situazioni a limite, il conflitto di itneressi in italia é il vero problema, con un presidente che va in brasile e presenta al presidente brasiliano i calciatori del milan, ormai in italia non si capisce piu niente, é un mega conflitto di interessi tra sport-giustizia-potere economico-potere televisivo, il 2 giugno del 1945 si é votato per la repubblica ma di fatto non siamo in una tale condizione perche tutti i poteri dello stato sono detenuti da una sola persona, é una dittatura con il consenso di 18 milioni di persone, cosa unica al mondo. Noi siamo un caso a parte.

giovanni

Anonimo ha detto...

Quello del signor Giovanni sembra proprio un discorso di destra, la Repubblica, lo Stato... manca solo il manganello. Forse bisognerebbe cercare la pace invece che la Guerra.

Anonimo ha detto...

ahahah ah gio' ma questo l'hai pagato per sfottermi:P miii ha avuto problemi a capi nu post mi figuro che ci capisce di "pollitica"
salutamo

giovanni

Anonimo ha detto...

Guardi che io a lei l'ho capita benissimo, il suo sfogo antiberlusconiano non e' altro che un paravento per nascondere il suo preciso interesse nei confronti dello stato, anzi Stato con la S maiuscola, la dittatura dove lei vede Berlusconi come Capo Supremo le fa solo invidia perche' vorrebbe un Italia unita sotto un grande capo. La vedo persino lontana da Fini, forse si avvicina piu' a Storace o peggio a quel vecchio MSI che forse le fa ancora nostalgia.

Lei non mi frega con i suoi discorsi cosi pomposi e ricchi di parole di cui probabilmente non capisce nemmeno il significato, Compagno proprio non e', dovrei forse dire Camerata ?

Anonimo ha detto...

bowling a colombaina
bowling a colombaina;è questo il titolo più consono che ho pensato di dare al mio commento perchè fino a quando gli armaioli costruiranno armi non ci sarà presidente che potra fermare questo fenomeno.perchè fino a quando qualcuno deciderà che è bene possedere un arma,sia essa custodita sotto un cuscino o in un apposita custodia, tutti si sentiranno in dovere di usarla contro i propi simili e di certo nn è il colore dellea pelle di un presidente che potra fermare l odio che tutti provano per gli uomini di diversa etnia!


giorgio lu razzo

Anonimo ha detto...

okkey questo soggetto in termine blogghista si chiama troll e il suo scrivere quindi trollismo, in questio casi l'unica cosa che si fa quando uno spara minkiate cosi é do no feed the troll.
orevuoar messie' statt buon

tubulidae ha detto...

Ringrazio i commenti. Mi avvicino molto idealmente a Giorgio lu razzo......forse perché siamo cresciuti insieme. Per il resto Giovanni non ha tutti i torti definendo l'importanza delle lobbies. Indipendentemente dalla politica. Naturalmente i facinorosi ci sono sempre. Ma non posso censurare nessuno.......altrimenti qualcuno mi definirebbe di destra :)

Anonimo ha detto...

Camerata Giovanni, spero non si offenda ma non trovo altre parole per definirla, d'altronde e' tipico fascista offendere ed utilizzare termini di minaccia. Fortuna e questo e' un Blog e lei non puo' colpirmi in faccia con i suoi stivali chiodati.

E ringrazio comunque il signor Giorgio per lo spazio che mi lascia sul Blog, io solitamente non scrivo mai ma quando vedo certe persone mi ritornano in mente brutti ricordi come la Scuola Diaz o i pestaggi dei marocchini al Centro Sociale Lenocavallo...

A me sembrano brutti ricordi Signor Giovanni e a lei ?

Anonimo ha detto...

Sono daccordo al 100% con l anonimo, il Signor Giovanni fascio é... ahahahahahahah

E.

MaRtiNacCia ha detto...

C'è da precisare che in Italia, da quando ci sono i militari nelle città, i cittadini si sentono più insicuri di prima. In particolare i romani hanno più paura degli abitanti di New York dove, si sa, che il tasso di criminaltà é molto più alto rispetto che nella nostra capitale. Per quanto riguarda l'impennata della vendita di armi in America, questa potrebbe essere collegata al fatto che Obama ha dichiarato di volere mettere delle restrizioni più rigide alla vendita di armi, quindi molti americani sono corsi ai ripari e si sono comportati come negli ultimi giorni di saldi....

Anonimo ha detto...

Da quello che mi sembra il Signor Giovanni si é rifugiato in un silenzio inequivocabile. Il suo é il classico disprezzo della realtá. Il confronto é costruttivo, non bisogna fuggire davanti all'evidenza. Piacerla di averla conosciuto.

Anonimo ha detto...

si dice piacere di averla conosciuta, non conosciuto:P
supertrollone eccolo qui
se scrivi de nuovo la roma va in b
ahhahaha
a riccá ma vedi di andartene a ff

Anonimo ha detto...

martinaccia, sono "completamente daccordo a metá" con te.
da quando obama si é candidato presidente tra l'altro la roma nun vince epiu na partita e domenica c'é er derby, semo tifosi de la roma se mo del commando ultrá... roma 2 lecce 3

Daniel ha detto...

obama è l'amico di tutti
è una sorta di veltroni più giovane, bello, intelligente, incommensurabilmente più potente (anche in senso sessuale temo, viste le ascendenze etniche, sebbene non credo di volerlo sperimentare di persona) e soprattutto ce l'ha fatta.
bisogna vedere
1) se sopravvive (sia in senso politico sia in quello biologico)
2) se non fa castronerie cosmiche (vizietto comune a molti presidenti democratici perchè in balia di interessi più grossi dei loro (come Truman, Kennedy, Johnson, Carter e Bill "cazzetto selvaggio" Clinton)

staremo a vedere...

Filippo C. ha detto...

Daniel, ma quand'é che sei stato l'ultima volta con una donna?

.... ti piacciono le donne o sbaglio?
(non so, ma siccome di un presidente la prima cosa che ti viene in mente é il..... , ognuno ha le sue preferenze... ) :)

Per giovanni:
io sinceramente sono d'accordo con l'anonimo, spero nessuno le dia mai potere per poter esercitare i suoi pensieri "di libertá"...
... se no va a finire che la ritroviamo sul gransasso... :)

tubulidae ha detto...

Non censuro, ma come unico amministratore inviterei al rispetto delle differenti opinioni, senza sconfinare nell'offensivo.
Temo che scatteranno le pernacchie alla mia persona dopo questo commento. :)

Anonimo ha detto...

Amministratore vadi a cagare